Skip to content

Napoli-Giugliano / Tribunale di Napoli Nord: parla l’ex consigliere comunale Giuseppe Aprovitola…

2 luglio 2013

Secondo quanto stabilito da un decreto legge datato 1999, il Tribunale Metropolitano doveva essere realizzata nella città di Giugliano, comune a Nord Ovest di Napoli. Dopo 14 anni, però, la mancanza di fondi da parte del Governo e l’assenza di progetti concerti da parte di imprenditori privati hanno fatto arenare questa ipotesi. E così nelle ultime settimane, attraverso alcune dichiarazioni pubbliche del ministro Annamaria Cancellieri, è venuta fuori sempre di più l’ipotesi che, dopo anni di chiacchiere e promesse non mantenute, il tribunale di Napoli Nord potrebbe essere concretamente realizzato, entro i prossimi mesi, nella limitrofa Aversa, cittadina del Basso Casertano nella quale un’ ampia struttura di proprietà pubblica, situata in pieno centro storico, potrebbe ospitare senza problemi l’istituendo Palazzo di Giustizia.

E, proprio in relazione al tema del nuovo Tribunale di Napoli Nord, nelle ultime ore è intervenuto l’ex consigliere comunale del Pdl Giugliano Giuseppe Aprovitola, il quale, da pragmatico imprenditore, ha spiegato i motivi concreti per i quali – secondo lui – a Giugliano il vecchio progetto del 1999 probabilmente non potrà mai essere realizzato, nonostante il fatto che la localizzazione originaria di via Pigna fosse pressoché perfetta per l’insediamento di una costruenda cittadella giudiziaria, in quanto vicinissima agli svincoli della grande viabilità interprovinciale. “Io penso che la sede del nuovo tribunale di Napoli Nord possa ancora essere Giugliano, ma bisogna dire ai cittadini con onestà che progetto originario, di tipo megagalattico, non può essere realizzato, in quanto il ministero competente non ha i soldi per costruirlo e, considerati i costi dell’operazione, nemmeno gli imprenditori privati hanno interesse a realizzarlo attraverso il cosiddetto Project Financing. Il periodo di gestione della struttura da parte dei privati, infatti, sarebbe limitato a 30 anni e si è stimato che, in tale arco di tempo, gli imprenditori non riuscirebbero a ricavare cifre  idonee ad ammortizzare l’investimento iniziale. Quindi, sull’argomento va fatta una riflessione molto seria, al di là dei colori e delle appartenenze politiche, in quanto bisogna smetterla di prendere in giro i cittadini con dichiarazioni che sanno solo di campagna elettorale”.

 

Annunci

From → attualità, politica

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...