Vai al contenuto

Napoli-Qualiano / Debiti comunali pregressi: arriva la maxi-stangata da 900mila euro e scoppia la polemica tra il sindaco De Luca e il suo predecessore Onofaro

11 luglio 2013

LA NOTIZIA

Dopo la recente ‘stangata’ della Multiservizi spa, che ha portato al pignoramento di circa 350mila euro nei confronti del Comune di Qualiano, qualche giorno fa è caduta un’altra ‘tegola’ sulle già disastrate casse dell’ente locale. Ad oltre 500mila euro ammonta, infatti, il cosiddetto ‘decreto ingiuntivo’ spiccato dalla società FORENCO per il mancato pagamento della mensa scolastica erogata per il Comune di Qualiano, tra il 2006 e il 2008, da un’altra società, la Raimbow, dalla quale di recente la stessa FORENCO ha acquisito i crediti. L’azienda Raimbow per circa 2 anni aveva fornito i pasti agli alunni delle scuole cittadine ma, purtroppo, non era stata pagata. Successivamente la società Forenco (a cui, appunto, la Raimbow ha ceduto i propri crediti) si è affidata ad un pool di avvocati per vedere riconosciuto il pagamento delle spettanze sui pasti forniti dal 2006 al 2008. E così, a seguito di questo procedimento legale, è arrivata puntuale la decisione del tribunale amministrativo regionale della Campania che, con sentenza n° 4552/12, ha imposto al Comune di Qualiano di pagare ben 529.492 euro.

LA POLEMICA

E, proprio sull’argomento relativo ai debiti pregressi dell’ente locale, nelle ultime 48 ore si è registrata un’aspra polemica a distanza tra l’attuale primo cittadino di Qualiano, Ludovico De Luca del Centrosinistra, e l’ex fascia tricolore Salvatore Onofaro del Pdl, in carica dalla primavera 2008 alla primavera 2013. “Anche questo “conticino” fa parte di quel “tesoretto” che ci ha lasciato l’ex sindaco – ha affermato con toni sarcastici il neo primo cittadino Ludovico De Luca -. In questi primi giorni mi aspettavo una situazione grigia… ma invece ho trovato nero pece… In ogni settore, in cui stiamo approfondendo il nostro lavoro, stiamo trovando una situazione debitoria. Tutto questo però non ci fa paura – ha concluso il neosindaco Ludovico De Luca -. Ora vedremo di risolvere anche questo ennesimo problema, relativo alla mensa, e poi, per il prossimo anno scolastico, attueremo una programmazione ben precisa, che consentirà finalmente, ai familiari dei nostri studenti, di accedere a determinate agevolazioni rispetto agli anni precedenti”. In relazione a questa stilettata di De Luca, l’ex primo cittadino (ed oggi consigliere comunale del Pdl) Salvatore Onofaro ha fatto subito pervenire alla nostra redazione la sua articolata replica: “De Luca in campagna elettorale ha promesso di tutto e di più. Ma, in queste prime settimane di amministrazione, ha pensato solamente a farsi pitturare la stanza che occupa da sindaco. In relazione a determinate questioni che attengono alle casse del Comune di Qualiano – ha dichiarato Onofaro – debbo evidenziare che, quando ero ancora nella carica di sindaco, al fine di coprire diverse spese in vari ambiti ho lasciato un tesoretto reale di 1 milione e 250mila euro, parte dei quali sarebbero dovuti servire a pagare anche il ‘conto’ alla Qualiano Multiservizi spa. Ma, nonostante questa mia operazione ‘preventiva’, ad oggi debbo rilevare che, all’interno dell’amministrazione qualianese, non si è riusciti ad evitare tali pignoramenti, in quanto i soldi che avevo lasciato non sono stati trasferiti nei tempi dovuti verso i creditori”. E, sempre a proposito del neo-sindaco De Luca, l’ex primo cittadino Onofaro ha aggiunto: “Forse De Luca non sapeva cosa volesse dire, nel concreto, amministrare un Comune che vive difficoltà quotidiane anche a causa dei pochi fondi a disposizione. Del resto, questa situazione di disagio economico – vissuta ormai da anni dall’ente comunale e confermata dalle recenti problematiche venute fuori rispetto a temi quali la “Multiservizi” e la “Mensa scolastica” – è frutto di 20 anni di debiti pregressi. Quindi, in relazione a tutte queste problematiche auspico solo che De Luca non faccia lo “gnorri”, come si suol dire, perché negli ultimi 20 anni egli è stato sempre presente (e con vari ruoli) all’interno delle amministrazioni politiche che si sono succedute alla guida del Comune”. Ma non è tutto. Onofaro, infatti, è una sorta di fiume in piena quando si parla di certi temi. E, sempre a proposito di pregresse ‘tegole’ finanziarie, ha affermato: “In questa sede mi preme ricordare che nella primavera 2008, al momento del mio insediamento, ho trovato sulla mia scrivania un pignoramento di ben 1 milione e 870mila euro riguardante il cosiddetto “Mutuo Catenacci”, ovvero un situazione debitoria relativa al mancato versamento degli oneri di smaltimento dei rifiuti urbani in discarica per un periodo che andava dal 2004 al 2007. Insomma, io in quella vicenda non avevo alcuna responsabilità, però in quella fase mi trovavo a dover far fronte ad una situazione particolarmente complessa. Ebbene, io all’epoca, a differenza di quanto invece sta facendo De Luca in questi giorni, non ho fatto comunicati stampa. Ho solo iniziato a lavorare a testa bassa per estinguere sia il Mutuo Catenacci che altri oneri finanziari che successivamente si sono abbattuti come macigni sulle casse del Comune di Qualiano. Ora se De Luca non è in grado di amministrare – ha concluso Onofaro – pensi a nominare quanto prima una giunta tecnica, cosiddetta di salute pubblica, e la smetta di lanciare inutili

 

Annunci

From → attualità, politica

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...