Skip to content

Napoli e dintorni, le insidie dei mare / In zona Caracciolo muore un 40enne. A Mondragone salvata una bambina di 5 anni

29 luglio 2013

Tragedia nella zona di via Caracciolo, a Napoli. Ieri verso mezzogiorno un bagnante di circa 40 anni è morto dopo essersi tuffato in mare dagli scogli della rotonda Diaz. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, l’uomo nel cadere in acqua avrebbe battuto violentemente la testa contro un altro scoglio che era poco distante. A nulla sono valsi i soccorsi e la corsa dell’ambulanza al vicino ospedale Loreto Mare.

Intanto, sempre ieri mattina, quasi in contemporanea con la tragedia di via Caracciolo, una bambina di 5 anni, originaria di un comune del basso casertano, è stata salvata dai bagnini e dagli uomini della Guardia Costiera presso il litorale domitio. La ragazzina stava facendo il bagno con suo padre su un materassino a poche decine di metri dalla riva di un lido di Mondragone ma, ad un certo punto, ha perso l’equilibrio ed è caduta in acqua cominciando ‘a bere’, come si suol dire. Prontamente allertati rispetto all’incidente, alcuni esperti volontari si sono subito fiondati in mare e hanno riportato a riva la bambina, a cui hanno praticato immediatamente le manovre di primo soccorso. Poco dopo la ragazzina è stata portata alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno per ulteriori accertamenti. Secondo i medici, comunque, la bimba sarebbe fuori pericolo di vita.

 

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...